Bowers & Wilkins: la nuova serie Diamond 800, l’icona reinventata

804 D3805 D3HTM2 D3

La nuova serie 800 può definirsi a tutti gli effetti un diffusore completamente nuovo. Bowers & Wilkins è ripartita da capo nella progettazione, per debuttare con un prodotto che lascerà un segno indelebile, non solo nel mercato dell’Hi-Fi, ma nell’evoluzione dell’elettroacustica in generale.

La serie 800 Diamond appena uscita di produzione è la gamma di diffusori high-end cha ha avuto maggior successo al mondo, e, come tutti i modelli che la hanno preceduta, deve il suo successo al design innovativo e all’avanzata tecnologia con cui era stata progettata e realizzata. Ma se riesci a fare la cosa migliore, puoi provare a fare qualcosa di più. Questo è il mantra che da sempre spinge Bowers & Wilkins.

E la nuova serie Diamond 800 D3 incarna questo concetto.

Tutto nuovo

Ogni componente, qualsiasi piccolo dettaglio, è stato riesaminato, rivisto, riprogettato: della vecchia serie 800D2 rimangono solo 3 elementi. La cupola del tweeter in diamante, i morsetti di ingresso, e alcuni condensatori del filtro cross-over. Il resto non ha nulla a che vedere, compreso il design, che per adattarsi ai nuovi elementi –primo fra tutti la testa, adesso “Turbine Head”- è stato completamente rivoluzionato, pur conservandone per motivi tecnici i tratti caratteristici. 868 sono in tutto le modifiche fatte rispetto alla vecchia serie: una vera rivoluzione.

 Il nuovo range.

 I modelli della nuova serie 800D3 sono 5 più due centrali

805 D3, 2 vie con woofer da 16,5 cm e tweeter da 25mm

804 D3, 3 vie con due woofer da 16,5 cm, 1 midrange da 13cm e tweeter da 25mm

803 D3, 3 vie con due woofer da 18 cm, 1 midrange da 13cm e tweeter da 25mm

802 D3, 3 vie con due woofer da 20 cm, 1 midrange da 16cm e tweeter da 25mm

800 D3, 3 vie con due woofer da 25 cm, 1 midrange da 16cm e tweeter da 25mm

HTM2 D3, 3 vie con due woofer da 16,5 cm, 1 midrange da 13cm e tweeter da 25mm

HTM1 D3, 3 vie con due woofer da 20 cm, 1 midrange da 15cm e tweeter da 25mm

DB1

I colori sono una novità. Al nero laccato e al rosenut, si affianca lo splendido bianco satinato. La testa Turbine è nera nelle versioni con cabinet nero laccato e rosenut, mentre diventa silver in quella bianca, per mantenere il giusto bilanciamento cromatico.

Come è stato possibile

 La nuova serie 800 D3 è la più grossa rivoluzione moderna nello sviluppo dell’elettroacustica, ciò è stato possibile grazie all’SRE, lo Steyning Research Establishment, centro di ricerca che John Bowers fondò nel 1981 per dare tempo e spazio ai progettisti di sviluppare le loro idee.

La cosa che balza subito all’occhio è la cupola del mid-range, non più in Kevlar. Ci sono voluti otto anni di ricerca per trovare un materiale migliore, fermo restando la struttura dell’altoparlante. In questa serie 800 D3 l’introduzione della novità, attraverso il Continuum Cone, l’unico in grado di offrire un suono neutro, combinato con una immagine stereo drammaticamente realistica.

Altro intervento ha riguardato i woofer, per i quali è stato sostituito il Rohacell con un materiale che pur conservando una struttura simile, desse ancora maggiore rigidità. La ricerca è cominciata nel 2012, e dopo un anno è stato trovato il materiale perfetto per lo scopo, in grado di offrire la combinazione ottimale tra forma, leggerezza e rigidità: si chiama Aerofoil ed utilizza una forma a spessore variabile (al centro più spesso che ai bordi).

Uguale alla vecchia serie solo la copula del tweeter in diamante; in B&W hanno provato, a lungo, a trovare un materiale migliore, ma per adesso non c’è. Sono, però, stati riprogettati il circuito magnetico, la sospensione e gli elementi di supporto, in modo da ottimizzare ancora il componente, adesso maggiormente efficiente.

Ancora novità riguardano il cabinet. Adesso la forma delle ammiraglie 803 D3, 802 D3 e 800 D3 è completamente diversa dal passato, non solo per la presenza della nuova testa Turbine Head, ma anche per l’adozione di un nuovo concetto di forma, il “Reverse Wrap”. Invece di un diffusore con frontale piatto e curvo sul retro, è stato realizzato un mobile con la parte anteriore ed i fianchi a curvatura continua, raccordati posteriormente.

Splendida, poi, la nuova testa Turbine Head in alluminio ricavato dal pieno, frutto di lunghi lavori soprattutto rispetto alla forma interna, adesso con rinforzi pentagonali simili al disegno di una turbina (da qui il nome Turbine Head). Stessa sorte per il contenitore del tweeter, in alluminio pieno,  dal peso di oltre 2 kg, per creare un housing solido dalle incredibili proprietà smorzanti.

Tutti i diffusori sono immediatamente disponibili nelle tre finiture (bianco su ordinazione), ad eccezione della 800 D3, nei negozi da Marzo 2016.

Prezzi per singolo diffusore:

805 D3: 3.000 euro

804 D3: 4.500 euro

803 D3: 8.500 euro

802 D3: 11.000 euro

800 D3: 15.000 euro

HTM2 D3: 4.000 euro

HTM1 D3: 6.000 euro

DB1: 4.250 euro

FS-805 STAND: 1.000 euro/coppia

FS-HTM D3 Stand: 600 euro

Per ulteriori informazioni e per la galleria delle immagini clicca qui

Milano, 15 settembre 2015

POTREBBERO INTERESSARTI

Arriva la terza generazione dell’iconica sound-bar Panorama di Bowers & Wilkins

Da Bowers & Wilkins arriva la sound-bar definitiva e senza compromessi

Ecco la finitura Midnight Blue Metallic per la gamma B&W Signature 700

gamma Signature 700

Bowers & Wilkins rinnova la gamma Signature 700: annunciata la nuova finitura