A Music Inside Rimini Pete Horner, il top dei sound designer

Pete HornerE’ stato il cinema, e le sue correlazioni con le nuove tecnologie e le nuove professioni, al centro del convegno che si è svolto oggi a Music Inside Rimini, organizzato da DOC Servizi, la prima rete di professionisti che opera su piattaforma cooperativa, leader in Europa e punto di riferimento per oltre 6.000 soci, tra musicisti, artisti, tecnici, insegnanti, professionisti del mondo dello spettacolo, della cultura e dell’arte. Tra i relatori, insieme a Luigi Pulcini (Film Scoring lab) e Sàndor Von Mallasz (Think Louder), anche Pete Horner, uno dei più famosi sound designer del mondo.

Una tavola rotonda con esperti del settore sull´argomento Sync nel quale si è cercato di capire dove e cosa studiare; quali sono i mercati principali, in Italia e all´estero, come aggredirli ed essere competitivi; come entrare in contatto con potenziali clienti e tutti i consigli utili attraverso la voce di chi lo fa con realtà come Disney, Dreamworks, Universal o RAI.

Pete Horner, lei è uno dei più famosi “progettisti del suono” mondiali, ha vinto un Emmy Award, noto per il suo contributo nei film “Il Giardino delle Vergini Suicide”, “Un’altra Giovinezza” e “Jurassic World”, lavora per le principali case produttrici cinematografiche: ci spiega in cosa consiste il suo lavoro? “Un sound designer crea, registra e raccoglie dai set il suono e poi lo riproduce al pc. Quindi lo bilancia, unendolo a musica e  dialogo, interfacciandosi col direttore di produzione e il compositore. In fin dei conti è l’autore di ciò che il pubblico ascolta, come produzione audio finale”.

Quali sono gli scenari futuri del mondo delle tecnologie audio video, rappresentate al top qui a Music Inside Rimini? “La tendenza è quella del piccolo e sempre più piccolo. Negli ultimi 15 anni sono stati fatti passi da gigante in questo settore. Quello che prima producevi con una stanza interamente attrezzata, oggi lo fai con un pc. E’ sufficiente un laptop, uno smartphone e uno speaker audio per progettare e realizzare una composizione musicale di alto livello professionale. Il futuro sarà connotato da una sempre maggior autonomia dei professionisti”.

POTREBBERO INTERESSARTI

MIR Tech 2022: si chiude oggi un’edizione di successo per il live entertainment

Quale tecnologia si usa nello spettacolo? Lo svela l’evento MIR Tech di Rimini

A MIR TECH 2022 si celebra l’indimenticabile Claudio Coccoluto

Torna il MIR TECH, il salone delle tecnologie e dei servizi per musica e spettacolo