Syneto annuncia la terza generazione di HYPERSeries

La nuova gamma di soluzioni iperconvergenti offre maggiore potenza, capacità, l’adozione di tecnologie di nuova generazione e più copertura del mercato e business case.

La rivoluzione dell’iperconvergenza non si ferma. Anzi: accelera. Con la presentazione delle sue soluzioni HYPERSeries di terza generazione, Syneto mette a disposizione delle aziende appliance ancora più potenti e versatili, che sfruttano una nuova versione del sistema operativo (Syneto OS-4.5) in linea con la Piattaforma Iperconvergente Syneto e sono affiancate da una nuova modalità nel supporto cliente.

Se la logica della piattaforma di iperconvergenza Syneto rimane la stessa, offrendo la possibilità di gestire in maniera unificata le applicazioni aziendali virtualizzate, networking, storage, backup, e recovery secondo una logica software-defined, l’orizzonte in cui si muove l’evoluzione delle soluzioni HYPERSeries è quello di dare una risposta semplice alle attuali esigenze delle aziende, sia di piccole che di grandi dimensioni.

“Il futuro delle infrastrutture IT è ormai rivolto all’adozione di soluzioni Hybrid Cloud” spiega Vadim Comanescu, CEO di Syneto. “L’abbinata tra la nostra piattaforma di Hyperconverged Data Management, dedicata alla gestione della Private Cloud, e di Syneto CENTRAL, piattaforma per I servizi cloud, permette ai nostri clienti di affrontare nel migliore dei modi questa evoluzione.”

Sotto il profilo hardware, la nuova linea di dispositivi HYPERSeries dedicati alla Private Cloud (HSC-2000; HSC-3100; HSC-3200 e HSC-4000) integra i processori di nuova generazione Intel Cascade Lake e adotta memorie flash e dischi ad alta densità, per garantire migliori prestazioni e una capacità a livello di storage che raggiunge gli 8TB nelle unità di memoria tradizionali.

Il vendor europeo ha poi investito sullo sviluppo di un’architettura di costruzione delle appliance che garantisce una rumorosità ridotta del 50%, la possibilità di installare fino a 1 TB di memoria RAM nei modelli di punta (HSC-3200 e HSC-4000) e configurazioni all-flash che utilizzano esclusivamente unità SSD, per andare incontro alle necessità di chi deve gestire attività particolarmente “voraci” di risorse.

Sotto il profilo software, il rilascio di Syneto OS-4.5 mette a disposizione, oltre al supporto per le nuove specifiche hardware, un sistema di gestione multi-amministratore e una funzionalità di registrazione dei log di sistema che consente di garantire un livello superiore nella gestione della sicurezza dei sistemi e la conformità con le previsioni normative del GDPR.

Per quanto riguarda il supporto, invece, Syneto propone una nuova formula che offre i servizi più adeguati a seconda delle esigenze dell’azienda.

“Ogni attività ha bisogno di supporto hardware, gestione tramite cloud e un approccio proattivo” conferma Vadim Comanescu. “Abbiamo quindi studiato un sistema che consenta di offrire questo tipo di valore aggiunto a tutte le tipologie di clienti”.

 

POTREBBERO INTERESSARTI

Syneto nel 2020: a che punto siamo?

L’infrastruttura cloud IT? Per Syneto è meglio ibrida

Syneto e l’IT ibrido per la sicurezza dello smart working

Syneto consiglia l’infrastruttura ibrida per il lavoro flessibile