Black Friday: con Oval lo shopping compulsivo è sotto controllo

Il giorno degli sconti pazzi si avvicina. Oval, da sempre a favore di una gestione sana delle proprie finanze, dà alcuni consigli per evitare l’acquisto irrazionale, del quale poi ci si pente.

Anche se non fa parte della nostra tradizione, il Black Friday è uno dei momenti più attesi dell’anno. Come già tutti sanno, venerdì, 29 novembre i negozi online e fisici di mezzo mondo (o forse più) proporranno sconti folli a tutti i loro clienti, dando di fatto il via al periodo dello shopping natalizio. Per molti, si tratta di un vero e proprio rito, è il momento nel quale si acquistano tutti quei prodotti che, pur non ricadendo nella categoria degli indispensabili – d’altronde, per questi non c’è bisogno di sconti -, ci farebbe piacere possedere.

Il fenomeno è diffuso. Solo negli Stati Uniti, dove la tradizione ha le sue origini, si stima verranno spesi 87 miliardi di dollari tra il Black Friday e il Cyber Monday (fonte: finder.com). Per quanto riguarda le differenze generazionali, lo stesso studio afferma che i Baby Boomers – ovvero le persone nate, indicativamente, tra il 1945 e il 1964 – spenderanno in media 626 dollari, seguiti dalla Generazione X (1960-1980) con 459 dollari e, non da meno, dai Millennials (1981-1996) con 252 dollari. Considerando questi dati, è palese che le persone sfruttino l’evento per portarsi avanti sugli acquisti natalizi, oltre che per soddisfare le proprie esigenze personali.

L’importante è acquistare ‘con la testa’

La ricerca citata riporta anche un altro dato molto interessante: il 52% delle persone che hanno comprato qualcosa in promozione si sono poi pentiti. Il motivo non è da ricercare in un difetto del prodotto, ma nell’impulsività dell’utente che, attratto dal prezzo e, soprattutto, dalla percentuale di sconto, si lascia attrarre da oggetti del tutto superflui.

Oval sottolinea che si tratta del classico fenomeno dell’acquisto compulsivo, trainato dalle esigenze dei retailer di massimizzare le vendite proprio quando le persone sono più propense a fare affari. È un meccanismo psicologico molto sottile: del prodotto non abbiamo bisogno, ma il maxi-sconto, la percezione dell’affare e, in un certo senso, l’idea di “guadagnarci qualcosa”, hanno talvolta il sopravvento sulla razionalità. Da quando esiste, Oval si impegna a trasmettere i principi per avere un attento controllo e sulle proprie finanze. Parlare esplicitamente di risparmio durante il Black Friday sarebbe eccessivo e fuori luogo, però anche in questi casi una gestione razionale e meno impulsiva degli acquisti è senza dubbi l’approccio migliore. Nell’ottica di rendere questo momento una ‘festa’ per i clienti, si può seguire qualche suggerimento: innanzitutto, iniziare subito a farsi un’idea dei prodotti che potrebbero interessare, magari monitorandone l’andamento del prezzo per qualche giorno, osservare gli oggetti che si desiderano da tempo ma che costano troppo e fare un elenco dei regali che si vorrebbe acquistare per sé o per gli altri – d’altronde, Natale è vicino – così da averlo sottomano all’avvio delle offerte. Tuttavia, il consiglio più importante è cercare di evitare l’acquisto basato sulla sola sensazione dell’affarone: un prodotto che ieri non interessava, difficilmente interesserà una volta finita l’abbuffata dagli acquisti.

Oval, con i suoi strumenti smart di risparmio e con gli investimenti, fa suo il concetto di finanza semplice, inclusiva, alla portata di tutti, ma soprattutto sana e di abitudini virtuose: come quelle di acquistare ciò che realmente si desidera.

POTREBBERO INTERESSARTI

Natale 2019: Oval aiuta a gestire le tue finanze

Con Oval a Natale puoi dire addio allo shopping compulsivo

Black Friday: i consigli di Oval per evitare l’acquisto irrazionale

Black Friday: Oval consiglia come acquistare con oculatezza